Chi siamo

La nostra chiesa

Questa chiesa è associata ad altre centinaia di comunità cristiane evangeliche sparse ovunque nel nostro paese e conosciute come le "Assemblee di Dio in Italia" (A.D.I.).
Esse sono sorte sotto l'impulso di quel grande risveglio evangelico, nato al principio del ventesimo secolo come un ritorno alla dottrina ed alla pratica del cristianesimo dell'era apostolica, e che conta oggi quasi cento milioni di membri, sparsi in tutti i paesi del mondo.

Ripudiamo ogni spirito "settario" ed ogni polemica con qualsiasi organizzazione religiosa o politica, perchè il nostro scopo non è quello di dividere, ma quello di ricercare le anime di qualsiasi credo per presentare loro la consolazione e la potenza dell'Evangelo. Desideriamo relazioni fraterne con tutti i cristiani autentici. Non siamo una chiesa di massa alla quale si appartiene dalla nascita. Conformemente all'insegnamento della Bibbia, le nostre chiese si compongono di persone che hanno realizzato l'esperienza di una autentica conversione al Signore Gesù Cristo.
La nostra vocazione particolare è per un ritorno alla fonte biblica del cristianesimo, alla fede e all'esperienza della Chiesa cristiana fedele all'insegnamento di "Tutto l'Evangelo", all'esempio di semplicità, di spontaneità e di potenza della Chiesa dell'era apostolica.
Certi che Dio abbia da dire ancora qualcosa agli uomini della nostra generazione, annunciamo il sicuro trionfo di Gesù Cristo sulle potenze del male.

Proclamiamo la salvezza dell'anima e la guarigione del corpo per la fede in Cristo, nonchè la potenza e le grazie dello Spirito Santo nella vita di tutti i credenti e l'imminente ritorno di Cristo per stabilire il Suo regno di pace. Credendo nella realtà della guarigione divina, come possibilità di liberazione dalle infermità in risposta alla preghiera di fede, non ci opponiamo alla scienza medica, ci guardiamo bene dal condannare chi vi ricorre e ringraziamo Dio per tutti i suoi successi. Proclamiamo soltanto che quando l'uomo non può più nulla, il Signore può ancora tutto e per questo preghiamo per i malati disposti a credere alla guarigione per la fede nel nome del Signore Gesù Cristo.

Non ammettiamo altri riti che quelli descritti dal Nuovo Testamento e nella loro forma originaria: il battesimo per immersione dei credenti; la Cena del Signore sotto le due specie del pane e del vino, distribuita ai fedeli, ed anche alla preghiera per la guarigione dei malati.

Le A.D.I. costituiscono una grande famiglia di credenti che sviluppano la loro vita spirituale con la preghiera in comune, la meditazione e lo studio della Bibbia e l'azione pratica. Ogni comunità celebra con fervore e con spontaneità il proprio culto a Dio, adorandoLo in "spirito e verità" secondo l'insegnamento del Signore Gesù Cristo. Queste sono curate da pastori o anziani, quali ministri di tutti gli atti di culto e si sostengono finanziariamente con contribuziuoni e offerte assolutamente volontarie dei propri membri. Esse si astengono da ogni forma di militanza politica, ma attuano la loro opera sociale e civile attraverso l'impegno dei propri membri, insegnando l'ubbidienza alle Autorità dello Stato, come stabilito da Dio.  

 

Dalla lettura del Nuovo Testamento è possibile conoscere esattamente il loro credo e la loro pratica. Non hanno altro testo ufficiale che la Bibbia.

Nel nostro Paese, le "Assemblee di Dio in Italia" sono giuridicamente riconosciute come Associazione Cristiana Evangelica di culto, istruzione ed assistenza, con decreto presidenziale del 5 dicembre 1959 - n.1349 e, a seguito dell'Intesa tra il Governo della Repubblica Italiana e le "Assemblee di Dio in Italia", in attuzione dell'art. 8, terzo comma della Costituzione, le chiese evangeliche A.D.I.  hanno regolato i loro rapporti con lo Stato mediante la Legge 22 novembre 1988 - n. 517.
Nel mondo, il MOvimento non ha una organizzazione centrale, ma ogni gruppo nazionale conserva la propria indipendenza strutturale, finanziaria e spirituale. Concludendo, le "Assemblee di Dio in Italia" sono delle comunità organizzate sul modello del Nuovo Testamento, desiderose soltanto di annunciare tutto l'insegnamento di Cristo e degli Apostoli e la sua attuazione, da parte di tutti i suoi membri, nella pratica della vita quotidiana.

(Tratto dal volantino "Chi siamo e cosa crediamo", edito da ADI-Media)

Articoli di fede

CREDIAMO ed accettiamo l'intera Bibbia come la ispirata Parola di Dio, unica, infallibile ed autorevole regola della nostra fede e condotta (2 Timoteo 3:15-17; 2 Pietro 1:21; Romani 1:16; 1 Tessalonicesi 2:13).

CREDIAMO nell'unico vero Dio, Eterno, Onnipotente, Creatore e Signore di tutte le cose. Crediamo che nella Sua unità vi sono tre distinte persone: Padre, Figlio e Spirito Santo (Efesini 4:6; Matteo 28:19; Luca 3:21,22; 1 Giovanni 5:7).

CREDIAMO che il Signor Gesù Cristo fu concepito dallo Spirito Santo ed assunse la natura umana in seno a Maria Vergine. Crediamo che Egli sia vero Dio e vero uomo (Giovanni 1:1,2,14; Luca 1:34,35; Matteo 1:23).

CREDIAMO nel Signore Gesù e nella Sua vita senza peccato, nei Suoi miracoli, nella Sua morte vicaria, nella Sua resurrezione, nella Sua ascensione alla destra del Padre, quale unico Mediatore, nel Suo personale ed imminente ritorno per i redenti e poi sulla terra in potenza e gloria per stabilire il Suo Regno (1 Pietro 2:22; 2 Corinzi 5:21; Atti 2:22; 1 Pietro 3:18; Romani 1:4; 2:24; 1 Corinzi 15:4; Atti 1:9-11; Giovanni 14:1-3; 1 Corinzi 15:25; 1 Timoteo 2)

CREDIAMO all'esistenza degli angeli creati tutti puri e che una parte di questi, caduti in una corruzione e perdizione irreparabili, per diretta azione di satana, angelo ribelle, saranno con lui eternamente puniti (Matteo 25:41; Efesini 6:11,12)

CREDIAMO che soltanto il ravvedimento e la fede nel prezioso sangue di Cristo, unico Sommo Sacerdote, siano indispensabili per la purificazione del peccato di chiunque lo accetta come personale Salvatore e Signore (Romani 3:22-25; Atti 2:38; 1 Pietro 1:18,19; Efesini 2:8).

CREDIAMO che la rigenerazione (nuova nascita) per opera dello Spirito Santo è assolutamente essenziale per la salvezza (Giovanni 3:3; 1 Pietro 1:23; Tito 3:5).

CREDIAMO alla guarigione divina, secondo le Sacre Scritture mediante la preghiera, l'unzione dell'olio e l'imposizione delle mani (Isaia 53:4,5; Matteo 8:16,17; 1 Pietro 2:24; Marco 16:17,18; Giacomo 5:14-16).

CREDIAMO al battesimo nello Spirito Santo, come esperienza susseguente a quella della nuova nascita, che si manifesta, secondo le Scritture, con il segno iniziale del parlare in altre lingue e, praticamente, con una vita di progressiva santificazione, nell'ubbidienza a tutta la verità delle Sacre Scritture, nella potenza per l'annuncia di Tutto l'Evangelo,al mondo (Atti 2:4; 2:42-46; 8:12-17; 10:44-46; 11:14-16; 15:7-9; 19:2-6; Marco 16:20; Giovanni 16:13; Matteo 28:19,20).

CREDIAMO  ai carismi e alle grazie dello Spirito Santo nella vita dei cristiani che, nell'esercizio del sacerdozio universale dei credenti, si manifestano per l'edificazione, l'esortazione e la consolazione della comunità cristiana e, conseguentemente, della società  umana (1°  Corinzi 12:4-11; Galati 5:22; Ebrei 13:15; Romani 12:1).

CREDIAMO ai ministeri del Signore glorificato, quali strumenti autorevoli di guida, d'insegnamento, di edificazione e di servizio nella comunità cristiana, rifuggendo da qualsiasi forma gerarchica (Efesini 1:22,23; 4:11-13; 5:23; Colossesi 1:18).

CREDIAMO all'attualità e alla validità delle deliberazioni del Concilio di Gerusalemme, riportate in Atti 15:28, 29; 16)

CREDIAMO alla resurrezione dei morti, alla condanna dei reprobi e alla glorificazione dei redenti, i quali hanno perseverato nella fede fino alla fine (Atti 24:15; Matteo 25:46; 24:12,13)


CELEBRIAMO il battesimo in acqua per immersione, nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, per coloro che fanno professione della propria fede nel Signore Gesù Cristo come loro personale Salvatore (Matteo 28:18,19; Atti 2:38; 8:12).

CELEBRIAMO la Cena del Signore o Santa Cena, sotto le due specie del pane e del vino, rammemorando così la morte del Signore ed annunziandone il ritorno, amministrata a chiunque sia stato battezzato secondo le regole dell'Evangelo e vive una vita degna e santa davanti a Dio e alla società (1 Corinzi 11:13)